Le domande più frequenti

I nostri consulenti si confrontano ogni giorno con le imprese sui temi della sicurezza sul lavoro, ambiente, certificazioni e formazione obbligatoria

Ho una gastronomia in centro e devo fare l’HACCP, come mi potete assistere alla gestione della pratica?

Per la corretta gestione della pratica è necessario implementare un sistema di autocontrollo in base a quanto previsto dal Regolamento CE n. 852/2004.
Per fare questo un nostro tecnico esperto in sicurezza alimentare, dovrà effettuare un sopralluogo presso l’attività per vedere gli ambienti di lavoro, le attrezzature, le modalità di preparazione dei cibi e confrontarsi con il titolare o con un suo incaricato sul processo produttivo e sulle caratteristiche specifiche dell’attività.
Una volta raccolti tutti i dati, il nostro tecnico redigerà il manuale HACCP, che rispecchierà in tutto e per tutto il ciclo produttivo dell’azienda. Il manuale infatti verrà elaborato sulle specifiche tecniche di ogni preparazione alimentare, sulla base delle caratteristiche e delle necessità dell’attività.
Successivamente saranno illustrati al titolare dell’attività gli argomenti e gli interventi operativi contenuti nel manuale di autocontrollo affinchè sia possibile gestire in autonomia tutte le procedure inerenti l’igiene degli alimenti e lavorare in sicurezza.

Devo seguire un corso per addetto antincendio, PAS mi offre la possibilità di seguirlo online o devo essere presente in aula?

Il nuovo decreto ministeriale del 02/09/2021, che sostituisce il precedente decreto D.M 10/03/98 sulla gestione e formazione antincendio sui luoghi di lavoro, è entrato in vigore il 04/10/2022 e ha classificato la formazione per gli addetti antincendio in:

  • Livello 1, composto da un modulo teorico di 2 ore e da un modulo pratico di 2 ore
  • Livello 2, composto da un modulo teorico di 5 ore e da un modulo pratico di 3 ore
  • Livello 3, composto da un modulo teorico di 12 ore e da un modulo pratico di 4 ore

La parte teorica si può effettuare in presenza o videoconferenza, la parte pratica solo in presenza con esercitazioni con gli estintori e/o idranti. Non è ammessa la modalità in e-learning.

Cosa significa fare la valutazione dei rischi?

Significa elaborare un’analisi documentata del luogo di lavoro che comprenda la valutazione di tutti i rischi aziendali, tecnologici, fisici, chimici ed ambientali che possono influire sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori, l’eliminazione e/o la riduzione dei rischi, la programmazione delle misure di prevenzione da attuare nel tempo (cronoprogramma di miglioramento) e la predisposizione di misure organizzative e gestionali di emergenza da attuare in caso di pericolo grave e immediato. La valutazione dei rischi è un obbligo del datore di lavoro previsto dal D.Lgs. 81/08, non delegabile e deve essere effettuata in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione, con il medico competente (quando risulta obbligatoria la sorveglianza sanitaria ndr.) e con la consultazione del rappresentante del lavoratori per la sicurezza.

Devo assumere un lavoratore part-time per eseguire lavori di muratura in un cantiere edile. Deve fargli seguire il corso di formazione sulla salute e la sicurezza del lavoro?

Qualunque sia il rapporto contrattuale del lavoratore, quest’ultimo deve essere correttamente formato e addestrato dal datore di lavoro anche se le lavorazioni effettuate sono di breve durata. In merito alla formazione richiesta dall’art. 37, comma 1 del D.lgs. 81/08 e disciplinata dall’Accordo Stato Regioni rep. 221 del 21/12/2011, per il settore edile viene richiesta una formazione generale di 4 ore e una formazione specifica di 12 ore. A questa formazione, qualora il lavoratore utilizzi ponteggi ed attrezzature di lavoro, deve essere aggiunta la formazione speciale attinente all’uso in sicurezza di queste attrezzature. Il datore di lavoro indipendentemente dalla tipologia contrattuale, all’inizio del rapporto di lavoro deve ottemperare a tutti gli obblighi previsti dalle norme in materia di salute e sicurezza del lavoro.

All’assunzione del lavoratore, quanto tempo ho per inviarlo al medico competente per lo svolgimento della prima visita?

La visita medica preventiva è intesa a constatare l’assenza di controindicazioni al lavoro cui il lavoratore è destinato, al fine di valutare la sua idoneità alla mansione specifica. In questo senso, la prima visita medica di un lavoratore esposto a rischio, dovrebbe essere svolta in via preventiva, e pertanto prima di adibire il neo assunto ai rischi di esposizione legati alla propria mansione.

Cosa sono le certificazioni ISO?

Le certificazioni ISO sono dei processi di attestazione per cui una “terza parte” (l’ente di certificazione) verifica che la nostra azienda rispetti i requisiti di norme internazionali (le norme ISO) riguardanti vari aspetti gestionali dell’azienda tra cui:

  • Qualità del prodotto/servizio (ISO 9001)
  • Sicurezza sul lavoro (ISO 45001)
  • Ambiente (ISO 14001)
Cos’è il deposito temporaneo dei rifiuti e quali sono le regole principali?

Il deposito temporaneo è il raggruppamento dei rifiuti , effettuato nel luogo in cui sono prodotti, ai fini del trasporto degli stessi in un impianto di recupero o smaltimento e non ha necessità di autorizzazioni . Il produttore dei rifiuti per i conferimenti può scegliere di seguire il metodo temporale e quindi avviare i rifiuti a recupero o smaltimento ogni tre mesi a prescindere dal quantitativo , o il metodo quantitativo secondo il quale i rifiuti devono essere conferiti al raggiungimento complessivo di 30 m cubi di volume di cui solo 10 pericolosi . Se tale quantitativo non viene raggiunto entro un anno è necessario procedere comunque al conferimento.

Consulta il calendario dei corsi in partenza

Salute e Sicurezza
Corsi disponibili
Alimentaristi
Corsi disponibili
E-Learning
Corsi disponibili

Contattaci e richiedi subito una consulenza

Richiedi una consulenza

    Richiesta di contatto

    Vuoi contattarci per:

    Dati di contatto

    Il tuo nome e cogmome

    La tua email

    Numero di telefono

    Dati dell'impresa

    Stai compilando in qualità di:

    AziendaPersona Fisica

    La ragione sociale delle tua impresa

    In quale comune risiede

    In provincia di
    La tua impresa è associata a Lapam Confartigianato?

    No

    Presso quale sede Lapam è associata la tua impresa?

    Messaggio

    Scrivi qui la tua richiesta

    Privacy e invio

    Accettazione Privacy:

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"
    This site is protected by reCAPTCHA and the Google
    Privacy Policy and
    Terms of Service apply.

    Acconsento al trattamento dei dati personali

    Chiama subito 059 893 111