Dal 2024 nuove condizioni per il ritiro di apparecchiature elettroniche

Con l’avvento del 2024, gli installatori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (AEE) in Italia sono chiamati ad adottare nuove condizioni operative. Queste modifiche hanno l’obiettivo di ampliare le opportunità di ritiro per determinate categorie di AEE, promuovendo al contempo una gestione più responsabile dei rifiuti elettronici. In questo articolo, esploreremo nel dettaglio le nuove disposizioni.

Ampliamento della gamma di AEE soggette al ritiro

Le nuove condizioni sono operative dal 10 gennaio 2024 e si concentrano sull’ampliamento della gamma di AEE soggette al ritiro. Gli installatori hanno ora la possibilità di richiedere il ritiro di AEE di natura domestica, in conformità con la normativa vigente.

Categorie coinvolte

La novità coinvolge diversi professionisti, tra cui elettricisti, termo-idraulici, frigoristi, ascensoristi e riparatori di elettrodomestici. Questi operatori, pur non occupandosi della vendita di AEE, possono iscriversi come installatori al portale del Centro di Coordinamento RAEE.

Registrazione al portale del Centro di Coordinamento RAEE 

L’iscrizione al portale del CdC RAEE è fondamentale per usufruire del servizio di ritiro gratuito erogato dai Sistemi Collettivi. Gli installatori devono registrare il punto di raccolta e sottoscrivere la “Convenzione operativa” per iniziare a beneficiare di questa opportunità.

Requisiti per il servizio di ritiro gratuito

Gli installatori devono garantire una quantità minima annua di rifiuti per i raggruppamenti gestiti, rispettando pesi specifici per le diverse categorie di AEE. Inoltre, è richiesta una suddivisione dei RAEE nei cinque raggruppamenti in conformità con il Decreto 40/2023.

Iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali

Un requisito chiave è l’iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali nella categoria 3bis per le attività di raccolta e trasporto dei RAEE domestici.

Esclusioni per installatori di pannelli fotovoltaici

È importante notare che le nuove condizioni operative non si applicano agli installatori di pannelli fotovoltaici. Per questa categoria, saranno definite regole specifiche in un contesto separato.

Le nuove condizioni operative rappresentano un passo significativo verso una gestione più sostenibile dei rifiuti elettronici.

L’articolo Dal 2024 nuove condizioni per il ritiro di apparecchiature elettroniche proviene da Lapam Confartigianato Imprese – Modena e Reggio Emilia.